Google+ Followers

jeudi 29 octobre 2015

A Venezia Bellini o Spritz?






A Venezia l'aperitivo è un rito che riempie i bar e le osterie (i bacari) della città, un appuntamento immancabile in nome della tradizione. 
L'aperitivo veneziano più conosciuto al mondo è il Bellini, ma il più diffuso e consumato in città è sicuramente lo Spritz.
 


Lo Spritz è l'aperitivo veneziano per eccellenza. 

Chiunque venga in città deve assolutamente provarlo. 
Ormai diffuso in tutto il Trivenento e anche altrove, questo aperitivo alcolico si compone di vino bianco, generalmente prosecco, acqua gassata o seltz, scorza di limone o arancia, e, a seconda dei gusti, Campari, Cynar, Aperol o Select che ne determinano la tipica colorazione rossa.

Le origini di questa bevanda sono ignote, ma sembra che siano stati i soldati dell'impero austroungarico di stanza nella Repubblica Serenissima a decretarne la nascita. Si dice infatti che questi allungassero i vini veneti con del seltz per diminuirne la gradazione alcolica. 


La diffusione della bevanda anche in Ungheria, Slovacchia, Slovenia, Croazia e Romania, ovvero in territori dell'ex monarchia austroungarica, e il suo stesso nome, che dovrebbe derivare dal verbo tedesco spritzen, spruzzare, dal gesto di allungare il vino con l'acqua, sembrano avvalorare quest'ipotesi.

A Venezia, ma anche in tutto il Veneto, lo Spritz è un rituale irrinunciabile ed è spesso accompagnato da cicheti, gli stuzzichini veneziani. 


Nel tardo pomeriggio date un'occhiata ai bar e alle osterie della città, di sicuro noterete moltissime persone col bicchiere pieno di un liquido rossastro, lo spritz !

Il Bellini, storico long drink di Venezia a base di vino bianco frizzante (champagne o prosecco) e polpa frullata di pesca bianca, fu inventato negli anni '40 da Giuseppe Cipriani, barman dell'Harry's Bar




Al giorno d'oggi è uno dei più noti cocktail italiani tanto essere uno dei cocktail ufficiali dell'Associazione Internazionale Bartender.

A partire dagli anni '80 viene anche prodotto industrialmente in bottiglia da una casa vinicola di San Donà di Piave in provincia di Venezia che lo distribuisce in tutto il mondo. 

Si dice che Cipriani gli diede questo nome perché il colore rosato gli ricordava il colore di una toga in un dipinto diel pittore Giovanni Bellini.
 

La ricetta originale prevede l'utilizzo delle pesche bianche, ma data la loro diffusione non vastissima, vengono spesso usate le pesche gialle oppure succhi o liquori a base di pesca.

Inoltre esistono alcune varianti che utilizzando altri frutti:
Rossini a base di fragola. 


Il nome è in onore del compositore Gioacchino Rossini;
Mimosa a base di spremuta d'arancia. 


Fu creato da Mr McGarry, barman al Buck's Club di Londra nel 1921; 
Tintoretto a base di melograno. Il nome è in onore del noto pittore veneziano.


8 parole italiane invidiate dai nostri amici di Gran Bretagna


 
Il made in Italy non è solo cibo, arte e moda. 
Anche la lingua italiana è apprezzata all’estero. 
 
Il sito del giornale inglese Theguardian ha pubblicato un articolo che riporta le 8 parole che il vocabolario inglese dovrebbe prendere in prestito da quello italiano perché hanno davvero un bel suono e perché sono divertenti da dire. 

1) Allora – In inglese “Then” o “So”
Motivazione: Quando si inizia a imparare la lingua italiana ci sono alcune parole che emergono da sole dalla frase e che si comprendono facilmente, anche se il suo significato dipende dal contesto in cui è inserita. 
Solitamente è citata prima di una frase scintillante e simpatica ed è facile da imparare, questo il pensiero del The Guardian.
Esempio: “Allooora, andiamo avanti con questa storia?”

2) Rocambolesco – In inglese “Adventurous/Fantastic
Motivazione: La parola è di origine francese. 
 Rocambole è infatti un personaggio di finzione creato dallo scrittore francese Alexis Ponson du Terrail nel 19°secolo.  
La parola poi deriva dalla predilezione del protagonista ad essere coinvolto in avventure continue e frenetiche. L’evoluzione della storia della parola affascina gli inglesi, una parola che ultimamente sembra essere davvero poco utilizzata, dovremmo riportarla in auge.

3) Chiaccherone/a – In inglese “Chatterbox”
Motivazione: Gli inglesi la definiscono una parola davvero seducente, così come tutti i suoi derivati: chiacchiera o chiacchierata e il verbo chiacchierare. 
Sottolineano poi che se si fa un passo malizioso in più si passa da “chiacchiera a pettegolezzo”. Anche quest’ultima parola li affascina molto.

4) Sfizio – In inglese “Whim”
Motivazione: In questo caso è il suono, lo sfrigolio e il sibilo della lingua per le prime due consonanti. 
Ne apprezzano anche il significato.

5) Struggimento  – In inglese “Misery”
Motivazione: Frustrazione e mancanza di soddisfazione. 
Non è un termine che ha una corretta traduzione in inglese e forse proprio per questo motivo questa parola è stata inserita in questa speciale classifica.

6) Dondolare – In inglese “To Wobble, to swing”
Motivazione: Un dondolone è qualcuno che oscilla, vacilla, e il termine indica una persona folle o un fannullone. 
Per loro esistono poche parole onomatopeiche come questa, forse la supera solo la parola “sussurrare”.

7) Mozzafiato – In inglese “Breathtaking
Motivazione: L’atto di “mozzare” l’aria è davvero molto evocativo. 
Un concetto che il termine inglese riesce a riportare solo in parte nella lingua anglosassone. 
Un termine più appropriato sarebbe “Breath – chopping”.

8) Dietrologia – In inglese “The Belief in hidden”
Motivazione: Solitamente la lingua inglese è più immediata e sintetica rispetto alla lingua italiana. In questo caso avviene il contrario, è normale per loro essere stupiti.

jeudi 8 octobre 2015

La milanese vista da "Gioia" in modo divertente !


Trovato su Gioia .it, da leggere assolutamente !

 

Le milanesi si trovano in San Babila (quello che negli anni Ottanta era il ritrovo dei Paninari) per fare shopping tra amiche e spingersi fino a via Torino, oppure a un capo (Porta Venezia) o all’altro (piazzale Loreto) del lungo rettilineo di Corso Buenos Aires.

Quelle altospendenti hanno il quadrilatero della moda dove dare fondo alle proprie carte di credito. 
Le zone di Ticinese e Isola sono il territorio di caccia delle amanti del pezzo unico, che sia vintage o di una giovane stilista bravissima ma sconosciuta a chiunque



Meno battuti di quanto si creda sono Garibaldi / Corso Como e zona Washington.

Tutte le milanesi hanno un’amica che ha aperto un negozio delizioso con cose davvero originali che non trovi da nessun’altra parte

Acquistano l’usato solo se vintage certificato o se indossato giusto dalle modelle alle sfilate (e ci entrano: anche quando non sono una taglia 40 con il 40 di piede).



Le milanesi hanno il senso degli affari e girano tra le bancarelle dei mercati di quartiere come se stessero studiando i mercati finanziari: quello di Papiniano e quello di piazzale Lagosta sono tra i più grandi.



C’è però una verità: le milanesi adorano comprare altrove. 
A Londra come a Ostuni, Shanghai o Voghera.  
L’importante è poter dire che non l’ha comprato a Milano quando le diranno “bello questo cappotto!”.





mardi 6 octobre 2015

Ma chi è stà Chiara Ferragni, regina dei fashion blogger?


Chiara Ferragni, è nata a Cremona nel 1987 da un padre dentista. Arriva in Francia, a Parigi, a circa vent'anni.

Iscritta alla Bocconi di Milano, ma non laureata. "Bionda, troppo magra, superficiale, fashion addict", a ventidue anni ha creato un blog, The Blonde Salad : parla di lei, di come si veste, delle sue borse e delle scarpe appena acquistate. 

Totale: 600 mila visitatori al mese e più di due milioni e mezzo di fedelissimi followers su Instagram, che, tradotto in soldoni, fa un giro d’affari di circa 8 milioni di euro.


Riccardo Pozzoli, il fidanzato, è l’uomo che ha scommesso su Chiara Ferragni e il blog "The Blonde Salad", premiato a Berlino come il sito fashion di maggiore successo «Eravamo fidanzati e abbiamo iniziato con 500 euro. Ora fatturiamo 6 milioni l’anno», racconta a Grazia. «E anche se ci siamo lasciati, il nostro viaggio insieme è solo agli inizi»


Chiara Ferragni è ormai divenuta una delle fashion-blogger più note e seguite in campo internazionale, con un vastissimo stuolo di followers soprattutto all’estero.  

The Blonde Salad, l’Insalata Bionda, è oggi molto di più di un semplice blog, ma si è trasformato in un riferimento di stile e ispirazione per milioni di persone in Italia e nel mondo, tanto da portare la sua creatrice a collaborare con le più note e prestigiose luxury & fashion brand, ad apparire come opinion maker e contemporaneamente modella nelle più note riviste internazionali, a essere riconosciuta dall’intera community come una delle figure più influenti dell’intero panorama della moda.
Chiara è anche diventata direttore creativo di una linea tutta sua di calzature di grande successo prodotte interamente in Italia. 
Per tutti questi motivi Chiara Ferragni è entrata nella classifica dei 30 Under 30 più influenti secondo Forbes per il 2015.

Chiara Ferragni

Da Cremona con furore. E la passione per la moda, la bellezza e la fotografia. Una passione così forte da diventare, con una sorprendente rapidità, una professione di successo. Chiara Ferragni è ormai divenuta una delle fashion-blogger più note e seguite in campo internazionale, con un vastissimo stuolo di followers soprattutto all’estero: The Blonde Salad, l’Insalata Bionda, è oggi molto di più di un semplice blog, ma si è trasformato in un riferimento di stile ed ispirazione per milioni di persone in Italia e nel mondo, tanto da portare la sua creatrice a collaborare con le più note e prestigiose luxury & fashion brand, ad apparire come opinion maker e contemporaneamente modella nelle più note riviste internazionali, ad essere riconosciuta dall’intera community come una delle figure più influenti dell’intero panorama della moda. E, dulcis in fundo, a diventare direttore creativo di una linea di calzature di grande successo prodotte interamente in Italia e da entrare nella classi. 
Era l’ottobre del 2009 e a quel tempo il peso e l’incidenza di un blog sull’experience di un seguace della moda era tutt’altro che cosa comune e riconosciuta, come forse accade oggi.
Quella di Chiara fu quindi soprattutto una sfida, una intuizione felice che discendeva non solo dal suo talento, ma anche dallo spirito di iniziativa, si potrebbe dire dall’imprenditorialità, che la caratterizza oggi come allora.
Una scommessa vinta: appena un anno dopo o poco più, la ragazza di Cremona che ancora frequentava la facoltà di giurisprudenza presso l’Università Bocconi di Milano, fu indicata dalla rivista americana New York come One of the biggest breakout street-style stars of the year, puntando i riflettori su di lei e dandole uno slancio enorme.
A dicembre 2011, la creatrice di The Blonde Salad fu indicata da Vogue come Blogger Of The Moment grazie ai suoi oltre un milione di visitors e 12 milioni di impression medie ogni mese.
L’ascesa, da quel momento è stata inarrestabile: a dicembre 2013, il blog raggiunse il traguardo degli 1,6 milioni di followers su Instagram e in quel momento The Blonde Salad divenne anche un e-book, il primo scritto da Chiara, e pubblicato in Italia. 
Oggi i followers, per la cronaca, sono più di tre milioni…
Chiara Ferragni è stata anche protagonista di alcuni riuscitissimi shoot per Guess, ha lavorato con Steve Madden per il concept di una 9-shoe collection e ha avviato collaborazioni con Christian Dior, Louis Vuitton, Max Mara, Chanel, Tommy Hilfiger.

Nel 2014 Chiara è stata insignita per il terzo anno consecutivo con il Bloglovin’ Award dalla popolare piattaforma americana di aggregazione dei feeds con specializzazione in ambito lifestyle.


Il segreto di Chiara Ferragni è questo : ha coltivato una passione per anni, ha guadagnando autorevolezza nelle community dedicate a un argomento ben preciso, ha aperto un blog quando nessuno lo faceva. 
In altre parole è stata pioniere, ha creato e non ha seguito.
Ovviamente questo non è sufficiente per giustificare il fatto che la sua attività ora risponda alla cifra di 8 milioni di euro. A volte ci vuole anche un pizzico di fortuna, no?

lundi 5 octobre 2015

Pietracupa è la Betlemme del Molise







E’ un suggestivo paese di pochi abitanti arroccato ai piedi di un piccolo monte nel cuore del Medio Sannio, sovrastato da uno sperone di roccia: 

Pietracupa, in provincia di Campobasso, è un luogo che possiede qualcosa di magico e in molto lo conoscono come la piccola Betlemme molisana, caratterizzato com’è dalla presenza di una grotta dove, alla Vigilia di Natale, ci si ritrova a vivere una Natività davvero molto realistica. 



Grazie alla sua conformazione, questa grotta è stata adibita ad usi diversi nel corso del tempo: inizialmente utilizzata come luogo di dimora, abitata dai primi seguaci di Papa Celestino, venne trasformata in seguito in tribunale ai tempi dell’inquisizione, fino ad essere adoperata come prigione ma anche come luogo pubblico per le esecuzioni capitali.

Con un po’ di attenzione si possono ancora scorgere sulla volta della Cripta, dei punti di appoggio su cui erano messe le travi per le impiccagioni, e, sulle pareti, dei fori per il passaggio delle catene. 


Sull'ingresso principale, oggi finestra, è ancora presente una lapide con la figura di Salomone e la scritta in latino: "Qui si amministra la giustizia". Pare che fosse anche il luogo dove venivano accusate e torturate molte donne per stregoneria. 

Con l'avvento dei Caracciolo, la grotta assunse un’importante funzione di fortezza militare e di postazione di guardia del territorio, cambiando ancora nel 1654 quando diventa il posto dove venivano abbandonati gli appestati. 

Durante i conflitti mondiali è stata per gli abitanti rifugio dai bombardamenti aerei, e si deve all’intervento di Monsignor Orlando di Tella, agli inizi degli Anni Settanta, la trasformazione nell’attuale luogo di preghiera della comunità, conosciuto con il nome di Cripta, con l’altare circolare composto da un’antica macina del vecchio mulino del paese.
Tra le opere più importanti che si  possono trovare al suo interno spicca un bellissimo crocefisso del Cinquecento particolare perché senza braccia. 

Vi sono poi custoditi un Bambino Gesù di legno d’olivo, a grandezza naturale, proveniente da Nazareth, assieme ad un calice anch’esso di legno, a testimoniare la professione di San Giuseppe, acquistato a Betlemme. 

Una curiosità lega questi due oggetti, che sono stati entrambi benedetti personalmente da Papa Giovanni Paolo II: vengono esposti ed utilizzati nelle feste di Natale, alla presenza di personalità, dei media, con la partecipazione di zampognari, torce, stelle filanti e musiche composte proprio per il paese. In cima alla scalinata c'è anche la chiesa di Sant'Antonio Abate, risalente alla fine del Seicento: la struttura dell'edificio sacro fu in parte ricavata dalla roccia e in parte costruita in pietra bianca e si caratterizza per la sua architettura atipica che sembra essere stata progettata per adeguarsi alla conformazione della montagna.

vendredi 4 septembre 2015

La mitica Versilia per una vacanza "sapore di mare"..







Tante canzoni dedicate alla Versilia...“Per quest’anno non cambiare….stessa spiaggia stesso mare”. Risuonano ancora per la Capannina le note di questa celebre canzone, resa immortale dal film di Carlo Vanzina.

Ma la romantica e sensuale canzone “Sapore di sale”di Gino Paoli  e l'inno di tutti gli habitué della Versilia. 



Ormai la Versilia non è più solo Forte dei Marmi con i suoi bagni e Sant’Ermete, che cade, non a caso, il 28 Agosto.
E' anche Pietrasanta col suo fermento culturale e i suoi ristoranti.


La Versilia è famosa anche per le immense ed elegantissime spiaggie, tende e ombrelloni di differenti colori che invadono la lunga lingua di terra e le cabine in legno  che la “proteggono”,


Una grande caratteristica della Versilia: il cibo! 
Da non perdere una cena all’Osteria Candalla abbarbicata sopra un torrente appena fuori Camaiore, grazie alla location romantica, i tavoli sono posti su palafitte,e il menu è  tradizionale.

Novità a Pietrasanta, una trattoria all’interno di un ex laboratorio, mixa cucina semplice ma gustosa e arte, infatti cenerete fra statue e pezzi d’autore. 

E ancora due classici, due ristoranti che hanno fatto la storia di Pietrasanta: l’Enoteca Marcucci e Sci, il primo chic e dal menù ricercato si trova nella via principale della cittadina e con i suoi tavoli perfettamente ed estrosamente apparecchiati invade la stradina, il secondo si è di recente trasferito, suo malgrado, fuori dalle mura e forse la trattoria più antica di Pietrasanta
Qui hanno cenato gli artisti che hanno fatto la storia del luogo e ancora si respira un’atmosfera autentica. 
E già che passate da queste parti perdetevi in una passeggiata fra le gallerie d’arte e le sculture sparse nella Piazza del Duomo e nei chiostri. 

A Forte, invece, non si può non fare un salto da Orlando per una pizzetta, sedetevi, scrivete ciò che volete e attendete la chiamata guardandovi in giro, in questa “pizzeria” potrete incontrare chiunque fra gli "aficionados".

Altro passatempo molto ben visto è lo shopping, fra le boutique merita una menzione d’onore Zoe a Pietrasanta, negozio cult della Versilia, considerato, a buona ragione, la boutique più cool della zona, qui Monica vi aiuterà a scegliere, mixando big brands e new designers, un outfit originale e iper chic. 
Must have di chi si reca a Forte dei Marmi, sono invece gli stivali di Antonio, l’Artigiano del Forte, comodi come babbucce, disponibili in mille colori diversi, rigorosamente hand made- sbirciate dietro il bancone di Antonio, intravedrete il suo laboratorio- e sempre, sempre alla moda.

Chi non sa rinunciare a un souvenir potrà trovare la riproduzione delle mitiche cabine  in versione ciondolo alla Gioielleria Oberdan a Forte dei Marmi

Merita una visita anche il mercato dell’Antiquariato di Forte, che si svolge ogni secondo week end del mese, spulciando fra i capi vintage e pezzi d’antiquariato potrete anche fare qualche vero affare. 

Impossibile dimenticare la Capannina, simbolo della Versilia, con le sue serate e il suo piano bar, rimasta esattamente come negli anni ’60, con i divanetti e le balconate in legno.

Gli indirizzi da notare assolutamente :
Bagni America Via Arenile di Levante, 2, Forte dei Marmi
Bagni Piero Via Arenile,1, Forte dei Marmi
Bagni Costanza Via Arenile, 10, Forte dei Marmi
Bagni Albertina Via Arenile, 16  Forte dei Marmi
Bagni Lorenzo di Levante, Via Arenile 16 Forte dei Marmi
Osteria Candalla, Via di Candalla, 264, Camaiore
Il lunedì dello studio Piazza Giacomo Matteotti 39, Pietrasanta
L'Enoteca Marcucci, Via Giuseppe Garibaldi, 40, Pietrasanta
Da Sci Via sauro 2, Pietrasanta
Pizzeria Orlando Via Colombo, 80, Forte dei Marmi
Zoe Via Giuseppe Garibaldi, 29 Pietrasanta
Antonio, artigiano in Forte dei Marmi, Via Roma n°2, Forte dei Marmi
Gioielleria Oberdan Via Carducci 65, Forte dei Marmi
La Capannina di Franceschìni, Viale della Repubblica, 16, Forte dei Marmi




Vacanze super lusso nell'atollo di Marlon Brando

 


Lussuoso ed ecosostenibile. 
Sono due caratteristiche non  facili da conciliare. 
Ma The Brando, lo spettacolare resort della Polinesia francese ispirato alla visione di un grande estimatore di questo paradiso terrestre, l'attore Marlon Brando, ci è riuscito.
 


Virtuoso, il network internazionale di viaggi di lusso, ha inserito fra i "Best of the Best 2015The Brando, che si è aggiudicato l’ambito premio Virtuoso Sustainable Tourism Leadership Award.
 

  
The Brando è un esclusivo eco-resort di lusso situato sull’atollo privato di Tetiaroa in Polinesia francese: composto da una dozzina di piccole isole (motu) che circondano una laguna cristallina, l’atollo si trova a circa 60km a nord dell’isola di Tahiti.
 


The Brando è ispirato dalla visione originale di Marlon Brando di una joint venture di sviluppo sostenibile, volta a promuovere l’opportunità di conoscere sia i luoghi sia la popolazione della Polinesia francese. 

Accessibile solo tramite collegamenti operati con voli privati, il resort offre un’ospitalità di lusso discreto immersa nella natura incontaminata dell’atollo.
 




The Brando è composto da 35 Deluxe Villa, ognuna delle quali dotate di spiaggia e piscina private, e offre ristoranti che propongono il meglio della cucina polinesiana e francese, una sontuosa spa polinesiana, un bar con vista sulla laguna, un bar sulla spiaggia, una piscina, un orto e un frutteto biologico, una biblioteca, una boutique, una scelta variegata tra diversi sport d’acqua e una stazione di ricerca ambientale con programmi educativi per gli ospiti.
 


The Brando è un modello all’avanguardia di tecnologie eco-sostenibili, che comprendono un sistema di aria condizionata alimentato dall’acqua di mare e lo sfruttamento di energie rinnovabili quali l’energia solare e l’olio di cocco. 

dimanche 30 août 2015

Freelance? Bonjour la galère





Pour devenir Freelance il faut avoir des solides compétences professionnelles et il faut connaitre la marche a suivre.
De plus, ça coute un peu d'argent et beaucoup d'organisation .. et on est pas vraiment "libre"..
Bonjour la galère !
Voilà les conseils d'un freelance en informatique
 

Structure juridique

Vous avez le choix entre Entreprise Individuelle et EURL (=SARL unipersonnelle) à l’impôt sur les sociétés, éventuellement SAS unipersonnelle.

En EI, votre patrimoine et celui de la société ne font qu’un. 

Tout est simple, vous pouvez même utiliser un compte bancaire perso. 
Les clients feront des règlements à votre prénom nom.

En EURL, votre patrimoine et différencié de celui de la société. La société peut avoir un nom commercial. Vous devrez ouvrir un compte bancaire professionnel (payant, autour de 25 € / mois). Les clients feront des règlements au nom de votre société.

Le choix entre les deux structures est fonction de votre CA et bénéfices. 

En effet, en EI, vous serez imposé directement sur les revenus (rubrique BNC). 
En EURL, vous vous attribuerez un salaire, et vous aurez à payer l’impôt sur les sociétés, puis l’impôts sur les revenus sur le salaire que vous vous serez versé + dividende versé.

L’EURL vous permet alors d’optimiser votre imposition (l’IS est de 15% pour un RN < 38 000 € et 33% au-dessus).

Grosso-modo pour les freelance informatique, en-dessous de 100 000 € de CA HT, ça ne change pas grand chose. Au-delà, il faut mieux privilégier l’EURL.

Il y a des fichiers Excel qui permettent de faire l’optimisation de la rémunération très bien.

Pour l’EI, l’inscription se fait au Centre de Formalité des Entreprises (faites une recherche sur Google, pour les professions libérales souvent c’est à l’URSSAF). 

Il y a juste un papier à remplir.

Pour l’EURL, il faudra rédiger des statuts, définir un capital et le déposer en banque avant libération. Tout est expliqué sur le site de l’APCE.





 

Comptabilité

En EI, vous pouvez vous débrouiller vous-même avec Ciel Compta Libéral (120 €) dans lequel vous saisirez vos dépenses et recettes. 

N’utilisez pas un fichier Excel. 
Chaque année, vous devez faire valider vos compte par une Association de Gestion Agréé comme APL Opera (225 € / an). Ceci vous évitera des erreurs et d’être imposé à 125% de votre RN.

En EURL, un expert-comptable est nécessaire car c’est + compliqué. Comptez 1500 € / an.

Pour la rédaction des factures, un fichier Excel suffit (une facture doit juste comporter un ensemble de référence obligatoire, comme le SIREN). 

Vous pouvez aussi utiliser Ciel Facture.

Trouver des missions

C’est la partie difficile. 

De + en + les directions des achats ne travaillent qu’avec des sociétés référencées et il est quasi-impossible pour un freelance d’être référencé.

Vous aurez des offres de missions ou prestations sur HiTechPros (payant). Il y aussi des sites gratuits + ou - sérieux.

Sinon il faut démarcher directement des SSII sur votre secteur de compétence et voir si elles n’ont pas des besoins à sous-traiter.

La SSII prendra en général 15-20% de commission sur la prestation. Donc si le client paye 500 € HT à la SSII, vous facturerez 400 € HT à la SSII.

Les SSII qui prennent plus de 25% de commission sont des voleurs.

Notez que vous aurez plusieurs stratégies de mission : des missions longues durée souvent moins bien payées (par exemple 500 € HT tarif client final pour un développeur) et des missions plus courtes (et svt plus intéressantes) souvent mieux payés à la journée (par exemple 600 € tarif client final pour un développeur). Les missions courtes ont aussi l’avantage de tisser petit à petit un réseau. A vous de faire vos calculs, mais l’intercontrat coute très cher en manque à gagner, donc personnellement je préfère les missions longues.

Notez que bien souvent, même les missions longues durées seront limitées à 3 ans. Les entreprises se protègent du risque de requalification du contrat en limitant les prestations à 2-3 ans. Il faudra donc anticiper la sortie et chercher une autre mission avant que l’échéance n’arrive.

Pour connaitre le bon tarif, au début demandez juste à ce que la règle des 80/20 soit appliquée, et c’est la SSII qui vous donnera le tarif. N’acceptez pas de mission où vous gagnez moins de 350 € HT / jour, quelque soit la durée.

On peut aussi travailler au forfait plutôt qu’en régie, mais c’est très difficile pour un freelance d’obtenir des offres.

Personnellement, je n’ai jamais eu d’intercontrat quand j’étais salarié en SSII et jamais non plus en freelance. C’est un bon indicateur je pense. Si déjà en SSII vous avez bcp d’intercontrats, c’est mauvais signe et vous aurez probablement la même chose en freelance.

Discrétion

Certains clients n’aiment pas les freelance, qu’ils jugent volage. Si vous êtes en sous-traitance d’une SSII (et très probablement vous le serez), mieux vaut donc taire son statut chez le client final et faire comme si vous étiez salarié de la SSII.

Se faire payer

Le règlement des factures a lieu en général à 30 jours fin de mois. De fait, vous travaillez en janvier, vous émettez votre facture fin janvier et vous serez payé fin février, voir début mars.

Notez que certaines SSII sont des mauvais payeurs et payent systématiquement en retard.

Il est très important de trouver des partenaires fiables et qui ont pignon sur rue, car travaillez c’est bien, mais être payé c’est quand même le + important.

Les faillites de SSII ça arrive, et si vous avez trop de décalage dans le payement de vos factures, ça peut vous couter deux mois de facturation perdue.

Vérifiez toujours le sérieux de la SSII sur societe.com et aller dans leur locaux. Ne rien négocier à distance.

Charges sociales

Vous aurez très rapidement à payer les cotisations URSSAF et RSI. Rassurez-vous (!), ça arrive directement dans votre boite aux lettres.

Elles sont calculées selon les chiffres N-1 voir N-2 et donc les deux premières années, vos charges seront artificiellement basses (cotisations forfaitaires) et votre bénéfice artificiellement haut.

En EI, il est possible d’écrire aux URSSAF pour demander une modulation des cotisations du travailleurs indépendant, en fonction de votre bénéfice prévisionnel (faîtes une recherche Google). Je vous le conseille fortement.

En EURL, voir avec l’expert-comptable, il doit être possible de passer des provisions pour charge.

Les frais

Vous avez intérêt à passer un maximum de frais dans votre société, pour diminuer la base imposable. Téléphone, Internet, Ordinateur, une partie du loyer, véhicule, hop, en frais. Tout doit être justifiable. Notez que les costumes ne peuvent pas passer en frais.

Pour le véhicule, vous avez le choix entre le classique frais réelle ou barème kilométrique. Mon expérience c’est que le barème est avantageux pour les grosses cylindrés et défavorables sinon, spécialement pour les motos. C’est ce qui explique que certains freelance s’achètent d’occasion des énormes BMW… C’est pas forcément pour la frime, c’est pour le barème kilométrique…

Le chômage et les vacances

Il n’y a évidemment pas de chomage si vous êtes freelance.

Un journée travaillée = une journée facturée, c’est aussi simple.

Si vous êtes malades ou faîtes un pont, ou jour férié, ou vacances, vous n’êtes pas payé.

Sécurité sociale (RSI) et Mutuelle Madelin.

En Freelance, votre sécurité sociale c’est le RSI. 

Il faudra compléter par une mutuelle. Une partie des frais de mutuelle peut passer en frais dans votre comptabilité si votre mutuelle est dîtes de type professionnelle "Madelin" (faîtes une recherche sur Google).

Retraite complémentaire (CIPAV) et Retraite Madelin

Pour la retraite complémentaire, vous cotiserez à la CIPAV. Ils ont la réputation d’être injoignable autrement que par lettre avec AR. Ils oublient aussi parfois des cotisants (priez que ce soit votre cas). :-)

Vous pouvez compléter par des cotisations volontaires à des contrats retraite Madelin. 

C’est l’équivalent des contrats PERCO en moins bien car les sommes ne sont pas déblocables avant la retraite (contrairement au PERCO où les sommes sont déblocables si achat de la RP). 
En résumé de part l’effet tunnel c’est de la me### sauf si vous avez 55 ans.

Se loger ou faire un prêt

Les assurances loyers impayés refusent les freelance et les agences refusent les candidats qui sont refusés par l’assurance loyer impayé. 

Autant dire que vous serez exclu de 90% du parc locatif en IDF.

Vous avez donc intérêt à aimer votre logement actuel, car une fois freelance c’est une galère sans nom pour en changer.

Personnellement j’ai du carrément faire des faux papiers de salariés. :-) D’autre acceptent de mettre sous un compte bloqué 12 mois de loyers en "garantie".

Même chose pour un prêt bancaire, ou souvent la banque exigera 3 années d’exercice complet pour prendre en considération vos revenus. Il y a des exceptions, notamment le Crédit Foncier qui accepte à partir de 2 ans. (de ce que j’en sais)

Rémunération espérée

Tout va dépendre du nbr de jour facturé dans l’année. 

Si vous travaillez bcp (personnellement je suis à 230 jours / an au moins), vous pouvez gagner (en tenant compte des charges et impôts) facilement 50% de + qu’en étant salarié.

Faire carrière en freelance

Les postes d’encadrement étant souvent réservés aux internes, en tant que freelance, vous serez limité à des postes d’exécutants, d’expertise, de chef de projet, d’ AMOA ou de MOA.

Il y a parfois des postes d’encadrement de petites équipes (4 personnes). Les postes d’encadrement de moyennes ou grandes équipes (> 10) sont rares.

De fait, si votre but c’est de finir DSI, mieux vaut ne pas vous mettre freelance, ou ne pas y rester trop longtemps.

Quitter son emploi actuel ou rester sur la même mission?

A vous de jouer ! Notez que vous pouvez demander un congé sabbatique (qui peut être refusé) pour faire tester le statut freelance et revenir dans votre société en tant que salarié si celui-ci ne convient pas.

On trouve aussi des collaborateurs qui sont en mission depuis 1 an, et restent sur la même mission avec la même SSII, tout en passant freelance. 

En général la SSII grince des dents (elle marge moins sur un freelance qu’un salarié), mais si vous êtes indispensable chez le client, ça se fait…

A vous de jouer !!!


 

mardi 25 août 2015

La bici : come pedalare fashion

Urban bike turchese Bensimon


L'amore della bici non ha limiti. 
Estate e inverno, città e campagna, la bicicletta è dappertutto in ogni stagione.

Basta guardarsi intorno per notare che il mondo delle due ruote ha conquistato la moda: a darne prova è Bensimon, la famosa maison francese che ha lanciato una linea di urban bike in collaborazione con il designer italiano Jonny Mole: il modello faro si declina nel raffinato rosa, turchese o ancora nel dinamico Orange, Kaki e Navy. 


Tutto è curato nei minimi dettagli, basta dare uno sguardo alle manopole in cuoio, alla sella e al telaio decorate con originali grafiche bandana per capire che è completamente fashion.



Poi c'è Dirk Bikkembergs che, in collaborazione con l'azienda di San Marino Prestigio, ha messo sul mercato una spettacolare bicicletta reperibile nei negozi monobrand del marchio. 
Si tratta di una Limited Edition in 11 esemplari là dove, a fare la differenza, i touch del verde tipico della maison (personalizzabili in base al modello) che la rende unica e ricercata per non parlare del telaio, ultra leggero di 7,5 kg, totalmente realizzato in Italia.
E' la prima bici al mondo in carbonio a scatto fisso, adattabile anche alle altre esigenze di guida come la ruota libera.




Pedalare si sa, è uno dei verbi preferiti dai fans della sostenibilità che alla macchina preferiscono la bicicletta, un mezzo che permette di muoversi senza andare a creare alcun tipo di danno sull’ambiente. 
A mettere d’accordo due passioni, quella per la moda e quella per l’ecologia, è stata l’azienda abruzzese Re-Hash, leader nella produzione e lavaggio di capi in denim, che ha presentato a Milano, durante l’evento Abruzzo Expo 2015, il proprio contributo in collaborazione con Montante Cicli, creando una due ruote ricoperta con denim ecologico lavato con ozono per risparmiare l’uso dell’acqua.


Disponibile in un modello unico, interamente realizzato a mano, la bici Montante for Re-HasH  riporta all’era moderna la forma elegante del modello Alfeo, originale degli anni ’30, rivisitandolo in chiave moderna e coniugando così il fascino del passato con la modernità. 

 

jeudi 20 août 2015

I milanesi si eccitano al Megastore Mondadori Concept Store





Il Megastore Mondadori Concept Store è stato inaugurato lo scorso giugno nel famoso quadrilatero della moda in via San Pietro all’Orto 11: il traguardo, inserito nel piano di consolidamento delle attività Retail del Gruppo Mondadori, leader nel mercato dei libri, è il nuovo format che  rivoluziona la tradizionale esperienza d’acquisto dei cittadini.

Addio vecchio concetto di libreria e benvenuto a un modello rivoluzionario di fare acquisti !

Una volta varcato l’ingresso si rimane affascinati dal gioco di forme e colori, scelte di design che portano la firma dello studio milanese Migliore + Servetto Architects che ha ideato questa moderna dimensione al fine di coinvolgere il pubblico.


Tre piani e 750 metri quadrati di superficie!
Il tutto è organizzato in maniera funzionale per dare la giusta visibilità ai veri protagonisti di casa, i libri, che si offrono al visitatore per essere toccati, aperti e sfogliati: a dominare la scenografia il colore tipico del marchio, il rosso, che va a incontrare il verde e il bianco dei metalli che disegnano gli espositori inclinati in appoggio alle pareti. 

Elementi flessibili di allestimento, caratterizzati dalla leggera trasparenza delle lamiere forate e da un sistema articolato di grafica segnaletica, si offrono a supporto dei percorsi di ricerca ed esplorazione mentre, sullo sfondo, scorre il racconto per segni e immagini della storia e della tradizione Mondadori.



Al piano terra si trovano le ultime novità editoriali, prodotti di cartoleria e gioielli tecnologici, accanto al nuovo servizio di assistenza e post vendita Help mentre, il primo piano è dedicato a Books&Café, ovvero la libreria dello store, con l’area Comics e la cartoleria, e il Mondadori Café, realizzato in collaborazione con Cibiamogroup. 
Infine al piano -1 c’è la zona Kids dedicata a bambini e ragazzi dove i giovani ospiti possono intrattenersi con i nuovi touchwall.

Mondadori non conosce limiti alla voglia di mettersi in gioco motivo per cui, nei prossimi mesi, anche le librerie di Piazza Duomo e di Via Marghera saranno coinvolte in un progetto di innovazione che vedrà arte, cultura e divertimento fondersi in un solo e unico contenitore.

Cool, i sandali freschi per gli ultimi giorni d'estate !

Notte-tempo, di pelle con fasce incrociate, FitFlop (99 euro)


Cool !! Fa caldo e l'estate non è ancora finita..
E quest'anno tutte le marche propongono sandali freschi e glamour da mettere dalla mattina alla sera, in piscina, spiaggia, discoteca. 
La tendenza è al confort e alle materie leggere ma solide.
Insomma, si puo' continuare a essere eleganti e cool !!

Ciliegia, con zeppa di sughero, Car Shoe (330euro)

 Cipria, bordata di mini borchie, Janet&Janet (149 euro).


  Active, di tessuto tecnico, Marni (420 euro)

 
Double, con suola di lino e sughero, Tata Italia (39,95 euro)



Maculata, di cavallino tinto, Alberto Guardiani (465 euro)


jeudi 6 août 2015

L'isola napoletana di Gaiola, bellissima e maledetta..




isola gaiola, isola, posillipo, napoli, mare<br>



L'isola di Gaiola è una delle isole minori presenti tra le acque del Golfo di Napoli ed è situata di fronte alla costa di Posillipo, nell'omonimo Parco sommerso. 

L'isola trae la propria denominazione dalle cavità che costellano la costa napoletana, anche se in origine era nota con il nome di "Euplea", in quanto caratterizzata da un piccolo tempietto dedicato alla Venere eEploea.

L'isolotto, è situato a soli 30 metri di distanza dal bagnasciuga

Anticamente era collegato a Posillipo da un lembo di terra, ma già ai tempi dei romani un crollo portò Gaiola a separarsi dalla terra ferma. 

Oggi, l’isola è divisa in due parti, frutto della divisione di un unico blocco di tufo avvenuta nell’ottocento, ed un esile ponte collega i due atolli.

Sull'isolotto maggiore, si trova una villa edificata nella metà dell'Ottocento, mentre su quello minore, la famiglia Agnelli vi fece realizzare un eliporto. 
Inoltre, per proteggere il fondale della zona, ricchissimo di resti archeologici, dal 2002 è stato istituito il Parco Sommerso e l'Area Marina Protetta di Gaiola.

L’isola, oltre ad essere un vero e proprio tesoro del patrimonio paesaggistico italiano, gode di una fama molto particolare: sembra essere maledetta
Fino al XIX secolo, accanto all’isola, sorgeva un altro edificio romano semisommerso noto come “la Scuola di Virgilio”
La leggenda narra che in questo luogo il vate insegnasse le arti magiche con riti e pozioni. 
Le pozioni magiche inquinarono le acque cristalline dell’isola, provocando un maleficio contro chiunque si trattenesse troppo a lungo da quelle parti.

E così l’isola Gaiola, nonostante la sua incantevole bellezza, sin dai tempi più remoti ha collezionato eventi  e tragedie . 


La serie di episodi sfortunati inizio' attorno al 1920, quando il proprietario dell'isola, un certo Hans Braun, fu trovato assassinato
Poco tempo dopo, la moglie morì annegata ed il proprietario seguente, Otto Grunback, morì di infarto.

Purtroppo la malasorte  continuò a colpire i proprietari. Maurice Sandoz, titolare della nota casa farmaceutica, abitò sull’isola negli anni ’50 e subito dopo venne rinchiuso in un manicomio dove si suicidò
In seguito la villa venne acquistata da Giovanni Agnelli, che la tenne pochi anni, per poi rivenderla a Paul Getty, magnate del petrolio. 
Quest’ultimo non ebbe alcun problema sino al 1973, anno in cui la ‘ndrangheta rapì suo figlio
Dopo l’amputazione di un orecchio del ragazzo, la famiglia Getty pago' un riscatto di 17 milioni di dollari.

Infine, nel 1978 l’isola passò nelle mani di Gianpasquale Grappone, detto Ninì, creatore del Loyd Centauro
Anche lui finì in prigione per colpa di incalcolabili debiti
La villa fu messa all’asta e quando fu venduta, la moglie Pasqualina Ortomeno morì in un incidente stradale
Da quel giorno l’isola diventò proprietà della Regione Campania e, per motivi scaramantici, è disabitata da circa 40 anni.